Il nuovo modo di fare informazione sullo sport più bello del mondo !

Monza – Breganze: cronaca

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Terza giornata di ritorno e terza vittoria consecutiva per la capolista Breganze nel campionato 2015-16 di hockey pista

Questo il tabellino del match.

CENTEMERO MONZA- FAIZANE LANARO BREGANZE 2-3 (primo tempo 1-1)

MARCATORI primo tempo: 7:18 G. Teixido (Breganze), 12:46 L. Martinez (Monza).
MARCATORI secondo tempo: 26:08 A. Gimenez (Breganze), 27:46 A. Gimenez (Breganze), 39:57 (Pun) L. Martinez (Monza).

CENTEMERO MONZA: N. Retis, L. Martinez, M. Panizza, F. Roca, M. Mariani, Fra. Compagno, Lo Besana Marce, L. Perego, J. Oviedo, G. Piscitelli. All. T. Colamaria.

FAIZANE LANARO BREGANZE: G. Cocco, M. Cocco, A. Gimenez, G. De Oro, G. Teixido, A. Zanazzo, S. Dal Santo, Fil. Compagno, R. Gnata, A. Zanin. All. M. De Gerone.

ARBITRI: Molli L. – Silecchia J.
ESPULSI nel primo tempo: A. Gimenez (Breganze espulsione temporanea).

Una vittoria voluta, sofferta e conquistata con cuore, impegno e sacrificio dal Breganze contro un ottimo Monza.
Adesso con questi tre punti, bottino pieno finora nel girone di ritorno, la squadra di mister De Gerone guida la serie A1 a 37 punti, assieme al Forte dei Marmi, con ben 4 punti di vantaggio sulla coppia Lodi Matera. Una classifica quindi che si sta allungando sempre più (l’ottava, il Trissino, è adesso a 15 punti dalle prime) e che sta lanciando il Breganze sempre più in alto.
La partita si sapeva difficile, anche a causa delle non perfette condizioni fisiche dei rossoneri, alle prese con una stagione intensissima. Era il terzo incontro in sette giorni, dopo i confronti con Barcellona e Trissino che avevano, giocoforza, impegnato e consumato le energie e il fisico dei rossoneri, che hanno schierato, solo per il tabellino, Stefano Dal Santo infortunatosi a Trissino, mai sceso in pista e che hanno dovuto rinunciare a Tonchi De Oro, alle prese con un problema muscolare, nel corso della partita. De Oro infatti è rimasto in panchina per tutto il secondo tempo.
Solo un grande gruppo poteva far fronte a queste avversità e uscirne comunque indenne, ma la forza del Breganze è proprio questa.
Tutti danno l’anima per la maglia, per la squadra e per i compagni, come giustamente ha sottolineato, con la giusta dose di soddisfazione il tecnico De Gerone, perché questo gruppo l’ha cementato proprio lui.
Così, dopo il vantaggio iniziale di Gerard Teixido, che approfittava di una corta respinta di Oviedo, cui il Monza rimediava con Martinez, bravo a capitalizzare, con un bel tiro di prima, una situazione di power play per i brianzoli, causa l’espulsione temporanea di Alvaro Gimenez, il Breganze, a inizio ripresa, con una doppietta dello stesso Gimenez, si portava sul 3-1.
Il Monza si rifaceva sotto ancora con Martinez, bravo a segnare il tiro libero diretto concesso per il decimo fallo di squadra del Breganze, che resisteva agli assalti finali degli avversari, i quali non sono affatto sembrati in crisi, nonostante anche loro lamentassero qualche importante assenza (Roca, Camporese).
Il Breganze riusciva quindi a portare a casa i tre punti grazie alla prova difensiva di tutti i rossoneri, trascinati dal solito monumentale Riccardo Gnata, che sta disputando una stagione fantastica, e all’ottima organizzazione di gioco, che ha assicurato, nel convulso finale, un buon possesso palla.
Ma c’è stato veramente da soffrire per il Breganze perché il Monza, che ha dimostrato di essere un’ottima formazione in grado di conquistare una salvezza tranquilla (magari provando a vedere di agganciare il treno dei play-off) e che ha in Martinez una punta di grandi qualità e in Francesco Compagno (e questo non può che far piacere visto che è un atleta breganzese in prestito) un attaccante sempre insidioso, specie nei tiri da lontano, le ha provate tutto per raggiungere il pareggio, anche inserendo il quinto uomo di movimento, al posto di Oviedo, negli ultimi secondi di match. E per poco “il numero” non riusciva ai brianzoli: ma ancora una volta Riccardo Gnata ha detto no.
Ed è stata festa piena per i rossoneri che hanno esultato a lungo a fine gara, salutando e ringraziando il numeroso pubblico breganzese presente anche a Monza: bello sentire i cori delle opposte tifoserie incitare le due squadre durante la gara. Quella brianzola è una piazza storica per l’hockey pista italiano: è importante che sia tornata in A1 e, con la competenza di un manager come Girardelli e le capacità di un tecnico come Colamaria, potrà fare sempre meglio.
Adesso il Breganze avrà la possibilità di “tirare un po’ il fiato”, visto che il prossimo incontro sarà in programma sabato 30 gennaio in casa col Giovinazzo. Niente turno infrasettimanale quindi…..
Qualche giorno di riposo sarà fondamentale per provare a recuperare De Oro e Dal Santo e controllare lo stato di forma degli altri atleti.
Per proseguire una stagione che per l’Hockey Breganze sta diventando indimenticabile.
Grazie ad un grande gruppo, quello rossonero: squadra e società compatti come non mai.

Nella foto: il gruppo rossonero, la forza dell’Hockey Breganze 2015-16.

Fausto Pozzan per Hockey Breganze

Share.